Vai menu di sezione

Incarichi dirigenziali

Riferimenti normativi
Art. 14, c. 1, 1-bis e 1-ter, D.Lgs 33/2013
Art. 2, c. 1, punto 1 e 2, L. 441/1982
Art. 3, L. 441/1982
Art. 20, c. 3, D.Lgs. 39/2013
Contenuto dell'obbligo

Per ciascun titolare di incarico vengono pubblicati:

1. l'atto di conferimento, con l'indicazione della durata dell'incarico;

2. il curriculum vitae, redatto in conformità al vigente modello europeo;

3. i compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione dell'incarico (con specifica evidenza delle eventuali componenti variabili o legate alla valutazione del risultato);

4. gli importi di viaggi di sevizi e missioni pagati con fondi pubblici;

5. i dati relativi all'assunzione di altre cariche, presso enti pubblici o privati, e relativi compensi a qualsiasi titolo corrisposti.

6. gli altri eventuali incarichi con oneri a carico della finanza pubblica e indicazione dei compensi spettanti.

Da presentare una sola volta entro 3 mesi dalla elezione, dalla nomina o dal conferimento dell'incarico:

1. la dichiarazione concernente diritti reali su beni immobili e su beni mobili iscritti in pubblici registri, titolarità di imprese, azioni di società, quote di partecipazione a società, esercizio di funzioni di amministratore o di sindaco di società, con l'apposizione della formula «sul mio onore affermo che la dichiarazione corrisponde al vero» [Per il soggetto, il coniuge non separato e i parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano (NB: dando eventualmente evidenza del mancato consenso) e riferita al momento dell'assunzione dell'incarico];

2. la copia dell'ultima dichiarazione dei redditi soggetti all'imposta sui redditi delle persone fisiche [Per il soggetto, il coniuge non separato e i parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano (NB: dando eventualmente evidenza del mancato consenso)] (NB: è necessario limitare, con appositi accorgimenti a cura dell'interessato o della amministrazione, la pubblicazione dei dati sensibili).

Annualmente devono essere pubblicate:

1. l'attestazione concernente le variazioni della situazione patrimoniale intervenute nell'anno precedente e copia della dichiarazione dei redditi [Per il soggetto, il coniuge non separato e i parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano (NB: dando eventualmente evidenza del mancato consenso)];

2. la dichiarazione sulla insussistenza di una delle cause di incompatibilità al conferimento dell'incarico;

3. l'ammontare complessivo degli emolumenti percepiti a carico della finanza pubblica (non oltre il 30 marzo).

Tempestivamente deve essere altresì pubblicata la dichiarazione sulla insussistenza di una delle cause di inconferibilità dell'incarico.

Con delibera n°1 d.d. 19.01.2021 avviene nomina dirigente medico con funzioni di Coordinatore Sanitario e Medico di assistenza medica agli ospiti della A.P.S.P. Residenza Molino di Dro, con contratto di diritto privato a tempo determinato dal 21.01.2021 al 20.01.2022 alla dr. Tiziana Scartezzini nt. il 08.01.1975.

La do..ssa Scartezzini ha le funzioni di coordinamento sanitario, risponde hai bisogni dei residenti ne rispetto della loro autonomia, libertà e dignità. Essa provvede anche con la propria formazione professionale, all'acquisizione e aggiornamento di competenze organizzative  e gestionali utili a indirizzare  l'organizzazione al rispetto delle buone pratiche igienico sanitarie, nonché al proseguimento della appropriatezza dell'assistenza ai residenti, assistenza che deve rispondere ai bisogni globalmente intesi della persona presa in carico.

Le funzioni specifiche del coordinatore sanitario sono esplicitate nella delibera provinciale n° 2265 del 22 dicembre 2020 paragrafo 6. pagina 9.

Il rapporto di lavoro è regolato, sia per la parte giuridica che per la parte economica, dal Contratto Collettivo Provinciale di Lavoro dell'area della dirigenza e dei segretari comunali, Comparto Autonomie locali della Provincia Autonoma di Trento dd. 29.10.2018, nonché dagli Accordi dd. 12.10.2018 e 11.01.2019.

La retribuzione annua lorda fondamentale onnicomprensiva, al lordo delle ritenute di legge, come disciplinata dal citato CCNL, relativa al rapporto di lavoro a tempo parziale 18 ore settimanali di cui al presente contratto, è rappresentata da:

- stipendio tabellare (oltre oneri nella misura di legge) €    20.064,39
- indennità integrativa speciale (oltre oneri nella misura di legge) €      3.785,61
- retribuzione di posizione (oltre oneri nella misura di legge) €      4.900,00
   

I valori retributivi verranno aggiornati in automatico in relazione ai miglioramenti contrattuali previsti dai rinnovi del Contratto Collettivo Provinciale di Lavoro dell’area Dirigenza, del relativo Accordo di Settore e di altri eventuali accordi a livello sindacale, sia nell’importo che nell’applicazione temporale, anche retroattiva.

La retribuzione di posizione è determinata dal Consiglio di Amministrazione in applicazione del contratto collettivo di cui al comma 1. Spetta inoltre la retribuzione di risultato nei limiti fissati dal C.C.P.L. e collegata alla valutazione individuale stabilita dal Consiglio di Amministrazione dell’A.P.S.P. di anno in anno. La retribuzione di risultato verrà corrisposta annualmente in un’unica soluzione, con riferimento ai risultati gestionali ottenuti.

Verrà inoltre corrisposto l’assegno per il nucleo familiare, se ed in quanto spettante, nella misura fissata dalla legge.

La retribuzione onnicomprensiva sarà corrisposta per 12 mensilità, con valuta 27 di ogni mese.

Verrà inoltre corrisposta la tredicesima mensilità secondo quanto previsto dal C.C.P.L.

Ottieni questi contenuti in formato CSV o in formato JSON
torna all'inizio del contenuto
Pubblicato il: Giovedì, 24 Agosto 2017 - Ultima modifica: Mercoledì, 23 Dicembre 2020
torna all'inizio